btn_1
Eventi
FIM ALLA MILANO MUSIC WEEK
mini_separator
banner

banner

banner

banner

banner

BIGBOX FREE MAGAZINE
3eOjbhbamzcxX1qi4mk8n.jpg
BIGBOX » HOMEPAGE » Music China Report
Eventi
Music China Report

Con 110,381 visitatori provenienti da 81 Paesi e 2.252 espositori, l'edizione numero diciassette di Music China, che si è tenuta presso il New International Expo Centre di Shanghai dal 10 al 13 ottobre scorso, ha visto un incremento del 5% di pubblico e del 5,4% di espositori rispetto alla precedente edizione.
È una crescita inarrestabile quella della più importante fiera professionale della musica del continente asiatico, che ha coperto quest'anno una superficie di 138.000 metri quadrati (+10.4% rispetto al 2017), per un totale di 12 padiglioni occupati più due strutture coperte esterne. Organizzata da Messe Frankfurt, Intex Shanghai e CMIA, Music China si è svolta anche quest'anno in contemporanea con Prolight + Sound Shanghai (gemella della omonima fiera tedesca delle tecnologie audio, video e luci professionali), che anno dopo anno cerca di mostrare attitudini sempre più professionali. Lo sviluppo del mondo "pro" rappresentato da PL+S Shanghai viaggia però di pari passo con la diffusione della cultura tecnica tra service e installatori, nonché con la capacità del pubblico di apprezzarne i risultati acustici. Ci vorrà dunque ancora un po' di tempo prima che gli stessi padiglioni del PL+S riescano a rappresentare non solo nella forma, ma anche dal punto di vista della qualità delle demo proposte, questa "attitudine professionale".
Impressionante per noi occidentali è invece la velocità e la personalità con cui si trasformano anno dopo anno i contenuti di Music China. Anche se manca quasi totalmente l'attenzione da parte degli espositori cinesi (compresi quelli che rappresentano importanti marchi occidentali) alla rumorosità dei padiglioni, sensibilità tipica delle fiere più mature, la qualità dei prodotti esposti, dei musicisti impegnati sui palchi e delle iniziative organizzate in fiera cresce progressivamente.
Come accade già da anni nella fiera di riferimento del mercato occidentale, il NAMM Show, il motore di Music China è soprattutto la formazione, che nella tradizione della Repubblica Popolare Cinese è fondamentale per lo sviluppo di tutti i settori. E come accade in tutte le forme di integrazione, è sulla formazione dei ragazzi che avviene l'integrazione tra la cultura musicale occidentale (pop/rock di radice anglosassone e classica di radice europea) e quella orientale o, meglio, cinese. È così che all'interno degli eventi collaterali di Music China troviamo le seguitissime master class del Music China Educational Programme e le sessioni "how to" della NAMM University, insieme al Kids' Music Castle (con gli oltre cento ragazzi presenti quest'anno) e al Drum Circles, cui fa da area di riferimento il grande padiglione dedicato alla formazione musicale occupato dalle numerose strutture didattiche cinesi presenti, quasi tutte dotate di sistemi digitali di supporto. Il pianoforte, la cui destinazione va anch'essa in gran parte alla didattica (ricordiamo che in Cina sono circa venti milioni i ragazzi che suonano questo strumento), occupa due interi padiglioni della fiera.
Tradizione e modernità si alternano a Music China. Quest'anno sono state allestite due nuove strutture esterne per accogliere nuovi espositori di strumenti musicali tradizionali, soprattutto cinesi, mentre sui palchi  live giovani shred dagli occhi a mandorla (a volte molto giovani) si esibivano della zona delle chitarre elettriche e delle batterie, alternandosi con le "star" della musica pop occidentale e ora anche di provenienza asiatica. Tra queste star abbiamo ho avuto la piacevole sorpresa di incontrare quest'anno anche il trio italiano composto da Marco Sfogli (chitarra), Roberto Gualdi (batteria) e Alberto Bollati (basso) impegnati in un programma di esibizioni prog allo stand della giapponese Zoom.
Grande investimento quello dell'italiana Foxgear (Gurus e Baroni Lab) che ha portato il bassista Guy Pratt (collaboratore dei più recenti Pink Floyd) e Doug Aldrich (collaboratore degli ultimi Whitesnake e DIO), quest'ultimo per la seconda volta a Music China.
Parlando di italiani, è cresciuto ancora quest'anno il numero degli espositori accolti presso l'Italian Pavillon di ITA (Italian Trade Agency) e presenti con propri stand individuali in altri padiglioni della fiera, a conferma di quanto il nostro made in Italy stia investendo su Music China, con la prospettiva di allargare il proprio mercato di riferimento. Settanta presenze italiane posizionano il nostro Paese al secondo posto in termini di numero di espositori, dopo la Cina. È per quedsta ragione che, per la prima volta in questa occasione, noi di BigBox abbiamo realizzato una pubblicazione speciale in lingua inglese con l'obiettivo di promuovere i marchi italiani presenti a Music China presso i colleghi della stampa internazionale presente a Shanghai e raggiunti con una specifica newsletter informativa.
A conclusione delle quattro intense giornate di fiera, mentre mi avviavo in pullman verso l'aereoporto, non ho potuto fare a meno di riflettere sul fatto che, a dispetto delle tensioni politiche ed economiche che coinvolgono Stati Uniti e Cina, Music China è riuscita a dare a noi operatori del mercato della musica un segnale concreto di dialogo tra oriente e occidente... grazie alla lungimiranza della tedesca Messe Frankfurt, al cui progetto fieristico ha dato il suo contributo anche la partecipazione numerosa e qualificante delle aziende italiane. (Piero Chianura)

La prossima edizione di Music China si terrà dal 10 al 13 Ottobre 2019. 

Info: Messe Frankfurt Hong Kong

 

BIGBOX SOCIAL
facebook
twitter
youtube
I LIBRI DI BIGBOX
grgWMSi5jW7IwBrwSo0WT.Z
btn_1
logo_footer
Copyright 2012-2013 BigBox srl s.u. - P.IVA 07847760969
Tutti i diritti riservati
BigBox è una freepress bimestrale - Autorizzazione presso il Tribunale di Milano n.383 del 16/10/2012
Direttore Responsabile: Chiara Mojana
BigBox Srl - Sede Legale Via Del Turchino, 8 – 20137 Milano – MI - info@bigboxmedia.it
Crediti: Niro Soluzioni Web Agency Milano - Via Giuseppe Meroni, 2 20011 Corbetta - MI - Italia info@nirosoluzioni.it